UnoMaggio.it - Perchè questo sito
 
Siete qui :   Home » Perchè questo sito
 
 

Indice
Vittime della strada Pavia
Calendario
Preferenze

Connessione :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
FZAP
Copia il codice :

  1140157 visitatori
  1 utenti in linea

Archivio

unomaggio.jpg
Sito UnoMaggio vecchia versione

rss Questo articolo è disponibile nel formato standard RSS per la pubblicazione sul vostro sito web :
https://www.unomaggio.it/data/it-articles.xml

img1.png

9000 morti (dati del 2002) l'anno sulle nostre strade. Ho preso spunto da una frase detta dai famigliari di una delle tante incolpevoli vittime di questa quotidiana ingiustizia che si consuma tra l'indifferenza e la complicità dello stato. A chi ti ha uccisa, sei mesi “con i benefici di legge”: gli è bastato chiedere il patteggiamento per far saltare il processo, per ucciderti di nuovo, una seconda volta, questa volta con la benedizione della giustizia. Ecco le sentenze che frequentemente leggiamo sui quotidiani, la cosa non fa più notizia, Io che scrivo sono stato gravemente ferito in un incidente, nello stesso ha perso la vita mia moglie Michela il 1° Maggio 2001. Siamo stati falciati sul marciapiedi mentre in quella giornata di festa ci accingevamo a visitare la torre di Pisa. Camminavamo affiancati, sul marciapiedi e siamo stati tarvolti da un'auto impazzita che percorreva a folle velocità il centro storico gremito di gente. L'investitore è stato visto l'indomani della tragedia andare regolarmente in auto per farsi visitare all'ospedale. Infatti dai verbali non risulta che siano stati presi provvedimenti nei suoi confronti; neppure una multa, nè ritiri di patente. Eppure andava più di 100 km orarie in una zona che è pericoloso andarne pure a 30. Poteva fare una strage....Certo un buon in esempio per altri potenziali assassini, licenziati a uccidere. A queste persone non dovrebbe essere concesso di guidare per molti anni e dare giuste condanne. Non permetterò che questo accada!  Fino che avrò forze lotterò per questo.

Giorgio Giunta


Categoria : Indice - Storico
Pagina letta 33673 volte


Commenti a questo articolo

Risposta n°10 

con Pippo il 09/11/2007 16:33

09.11.2007
Fonte notizia:    pippo
certo che dispiace a tutti se ci sono delle vittime, tuttavia trovo che sia stato solo un inutile accanimento contro l'autista pizzaiolo. tutto è successo per evitare uno scooter contromano (ci sono testimonianze). ma che colpa ha l'autista se per evitare lo scooter ha preso il cordolo del marciapiede e si è ribaltata la macchina? Poteva succedere a tutti. Prendersela con una persona solo perché non si riesce accettare il danno si chiama vendetta !!! e non vi fa certamente onore. Te che hai perso la moglie ... se fosse sucesso a TE ! che avresti detto? che nonn ci potevi far nulla, no? doveva investire lo scooter? ammazzare volontariamente un ragazzo? ma va cagare... ci sono dei casi in cui davvero è necessario far valere i propri diritti da cittadino e pedone. Intanto restano impuniti i killer ubriaconi e drogati che guidano contro i quali non fate tanto casino. bleah ! PS e se poi proprio vuoi raccontare la verità, non scrivere che andava a 100 ma 70! dici che è periclo a 30, ma lo dici solo ora, intanto il limite è rimasto 50. riporta piùttosto quello che stato accertato. scrivete solo per fare clamore prendendo di mira una persona...


Risposta n°9 

con VessichelliAntonio il 24/09/2007 16:30

24.09.2007
Fonte notizia:    vessichelli Antonio. 
ebbene, spero proprio che qualcuno di buon senso faccia qualcosa per le vittime della strada. Io per fortuna non ho subito perdite di familiari, ma fui coinvolto in un tamponamento nelle gallerie di Genova, ebbi la mia auto semidistrutta, lesioni con trauma cervicale io e mia moglie. Sappiate che in quel trambusto con la galleria trafficata, (mancavano tre giorni per Pasqua, andavamo a passarla a Roma dai nostri figli)venne un addetto a quella tratta e invitò me e il conducente del veicolo che mi tamponò ad uscire dalla galleria poichè la mia auto perdeva liquido dal radiatore, fuori all'uscita di Pegli avremmo scambiato i dati assicurativi. lo seguimmo, ma il conducente del veicolo tamponante si dileguò nel traffico. Fu fatta causa, il giudice di pace di torino Dott.ssa Ferraro giudicò il mio comportamento ingenuo e negligente. La causa è stata persa, morale "cornuto e mazziato..." immaginate una galleria affollata di Tirr e auto, stare fermi, aspettare la polizia, e l'addetto alla tratta facendo pressione per uscire di immediato...il mio avvocato non ha saputo valutare e difendere la causa, ho dovuto pagare anche la causa che è durata due anni! Segue grafico con dinamica dell'incidente, chissà serve a sensibilizzare qualcuno. Saluti


Risposta n°8 

con GolfGT75 il 04/02/2007 16:28

04.02.2007
Fonte notizia:    golf gt 75
ciao admin,non so se anche qui ti chiamano cosi'. Sono passato a darti un saluto e a darti sostegno nelle tue iniziative,non mollare.


Risposta n°7 

con Lorenzo il 28/04/2006 16:25

28.04.2006
Fonte notizia:    lorenzo
Io sono uno di quelle persone ke sono state tradite da quell'inferno... la strada.. ha portato via il mio cugino marco... adesso lui e la ke mi guarda e nn potrò mai più vederlo invecchiare non gli potrò dire ti voglio bene nn potrò mai più guardare i suoi occhi... adesso basta... bisognerebbe far passare a quelle persone stupide il dolore che ho io... continuate a lottare contro l'ingiustizia


Risposta n°6 

con Marco il 13/07/2005 16:24

13.07.2005
Fonte notizia:    Marco
Sono purtoppo d'accordo, in Italia oggi, sia in per quanto riguarda la strada che ogni altro aspetto della società mancano il senso della legalità e della responsabilità individuale per le proprie azioni. Non ci sono storie che tengano, chi sbaglia deve pagare, il giusto nulla più. Ai criminali si da sempre una seconda possibilità ma alle vittime? Solo una seconda ingiustizia. Che tristezza.